Comunità

#ClientiQonto: Hotbox, la rivoluzione del food delivery

July 05, 2019 by Qonto Italia

I nostri 40.000 clienti portano con sé altrettante storie di business, che spesso abbiamo avuto la fortuna di ascoltare e conoscere, ottenendo un'ulteriore motivazione a migliorare costantemente il nostro servizio. 

Vogliamo condividere alcune di queste storie anche con te, partendo da quella di Hotbox, uno dei nostri clienti italiani.

La storia di Hotbox

All'inzio del 2016, Claudio Giovini studiava ingegneria meccanica e, nel frattempo, lavorava come pizzaiolo nella pizzeria di famiglia a Modena, considerata tra le migliori della città. Domenico Palladino, esperto di impianti d'automazione industriale e processi produttivi, portava in giro per il mondo la sua conoscenza, sebbene il suo sogno fosse quello di lavorare per sé stesso. Invece, Marco Caputo e Anthony Prada, ingegneri del veicolo, vivevano in Germania e Danimarca e, sin dai tempi dell’università, provano con fatica ad avviare una propria startup.

Claudio, naturalmente, era molto attento alla qualità del suo prodotto, messa tuttavia a dura prova dalle tanto richieste consegne a domicilio. Non trovava infatti la soluzione giusta per consegnare il suo prodotto perfetto come appena sfornato. Ma un giorno, mentre stava riparando lo scooter, si è scottato con la marmitta e ha avuto così l'idea per sostituire la classiche borse termiche con qualcosa di gran lunga più efficace per trasportare le sue ottime pizze. Di cosa si trattava? Di un box collegato direttamente al motore dello scooter, in modo da sfruttarne il calore.

Consapevole di non poter realizzare da solo la sua idea e di quanto Domenico, Marco e Anthony desiderassero costruire qualcosa di proprio, li ha contattati, dando vita con loro a Hotbox. I quattro ingegneri condividevano la volontà di rivoluzionare il mercato delle consegne. Ci raccontano infatti che "Hotbox nasce con l’intenzione di settare il nuovo standard per le consegne di qualità di cibo a domicilio e diventare l’Apple dei dispositivi per le consegne".

Nella primavera dello stesso anno, Domenico e Claudio hanno costruito a mano il primo Hotbox, per testarne il principio alla base e assicurarsi che funzionasse. E funzionava! Grazie anche all’apporto di Anthony e Marco, il processo è stato iterato più volte e il prodotto è stato perfezionato, aggiungendo la deumidificazione, per risolvere i problemi della condensa nei cibi, e migliorando design, versatilità e materiali. Un anno dopo la prima versione di Hotbox era pronta e il team ha vinto il premio Barletta a Roma.

Da allora, sulla base dei feedback dei clienti e del mercato, sono state prodotte due versioni di Hotbox. A Giugno 2019 è stata lanciata anche la prima versione di Hotbox elettrico ed è iniziata la collaborazione con grandi realtà del delivery.

I progetti futuri

Alla luce della crescita esponenziale del food delivery un po' in tutto il mondo, Hotbox ha in piano di lanciare il proprio prodotto anche in altri paesi europei, come Francia, Germania, Spagna e Regno Unito.

Tanto la crescita in Italia quanto l'espansione all'estero saranno guidate dalla diffusione del nuovo standard di qualità delle consegne e della consapevolezza di come questo non solo migliori l'esperienza di consumo, ma generi anche risparmi sui costi operativi. Non a caso il claim di Hotbox recita “taste the food, not the journey”.

Perché Hotbox ha scelto Qonto?

Ci siamo sempre appoggiati a banche tradizionali, con tutta l'infinita burocrazia che ne deriva anche solo per richiedere una carta aziendale per i dipendenti. Con Qonto tutte queste perdite di tempo vengono pressoché annullate.

Così Marco ci descrive l'esperienza di Hotbox con la gestione finanziaria, finalmente semplificata dal nostro servizio. Continua infatti:

Qonto è una soluzione smart per la complessa gestione delle finanze aziendali. Ci sono diversi motivi per cui l’abbiamo adottato, tra cui la sua estrema semplicità di utilizzo, che rende qualunque operazione molto semplice: dall’ordinare una nuova carta aziendale all'effettuare delle transazioni, all'impostare pagamenti ricorrenti.

Ma per Hotbox, in quanto startup, il più grande valore risiede nel customer service.

Qonto si è dimostrato sempre estremamente presente per ogni dubbio posto e ha sempre risposto rapidamente, con spiegazioni chiare e soluzioni pronte. Questo è, secondo noi, il fattore principale che ci fa sentire parte della famiglia Qonto, più che di una semplice banca.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli: